Festa del Ringraziamento/Erntedankfest – Bolzano – ottobre 2021

La città di Bolzano/Bozen, capoluogo e città più popolosa del Sudtirolo, grazie alla sua prestiogiosa storia offre molti punti di interesse culturale e naturalistico; la citta propone, inoltre, diversi eventi molto amati da turisti ed abitanti locali quali, ad esempio, i Mercatini di Natale e la Festa del Ringraziamento (QUI la “pillola” sulla cittadina di Bolzano e QUI quella sui Mercatini di Natale).

La festa del Ringraziamento è un evento molto popolare nelle valli che nell’edizione 2021, tenutasi il 16 ottobre, ha raggiunto anche la realtà urbana della centrale piazza Walther di Bolzano; durante la festa, organizzata dall’Unione Agricoltori e Coltivatori Diretti/Bauernbund dell’Alto Adige, vengono presentate molte attività.

Tra esse troviamo molti stand di contadini di masi di tutto l’Alto Adige che vendono i loro prodotti genuini e tradizionali quali, ad esempio, carne, salumi, latticini e formaggi, miele, marmellate, sciroppi, tisane e tanti altri tipi di prodotti; sono, inoltre, presenti approfondimenti su storia ed attività dei contadini, momenti musicali, show cooking e una piccola esposizione di antichi trattori (QUI la “pillola” su diversi prodotti tipici del Sudtirolo).

Stand in Piazza Walther

Esposizione di antichi trattori

Momenti musicali

Show cooking

Scopriamo QUI altre “pillole” su Bolzano e il Renon

Cliccare sull’immagine per visualizzare Piazza Walther su Google Maps

Torta Linzer – ricette tipiche

La famosa torta Linzer, qui proposta nella sua versione classica, è un dessert di origine austriaca, della città di Linz da cui prende il nome, che è diventato presto parte integrante della tradizione dolciaria del Sudtirolo; questa torta di farina di nocciole e marmellata di ribes rosso si offre come golosissima scelta per un fine pasto od una nutriente merenda in stile austriaco.

Ingredienti per 4 persone:

– 225 gr burro Sciaves latteria Brimi

– 125 gr zucchero al velo

– 125 gr tuorli d’uovo

– 175 gr farina di nocciole

– 225 gr farina Rieper tipo 00

– 3 gr lievito

– un vasetto da 250 gr di marmellata di ribes rosso

– sale q.b.

– cannella in polvere q.b.

Procedimento di preparazione:

Tirare fuori il burro dal frigo tre ore prima della preparazione per permettergli di raggiungere la temperatura ambiente. Porlo nella planetaria con lo zucchero a velo, il sale e la cannella e lavorarlo con la foglia.

Aggiungere i tuorli e lavorarlo di nuovo.

Porre infine le polveri (farina di nocciole, farina bianca e lievito) ed amalgamare il tutto.

Imburrate ed infarinate una tortiera da 24 cm e preriscaldate il forno a 170° C.

Con l’aiuto di una sac à poche create, partendo dal centro un anello di pasta fino a ricoprire tutto il fondo. Con l’aiuto dei polpastrelli pigiate delicatamente l’impasto per permettere la chiusura di possibili forellini che faranno fuoriuscire il ripieno. Create ora, sempre con l’aiuto di una sac à poche, un bordo rialzato.

Versate il vasetto di marmellata di ribes rosso e livellate. Ultimate con la sac à poche creando delle strisce prima da un verso e poi dall’altro.

Infornate per 30-35 min circa finchè la superficie sarà ben cotta e solida. Sfornate e lasciate raffreddare prima di toglierla dalla tortiera.

E’ meglio lasciar riposare la torta una notte per permettere a tutti gli ingredienti di amalgamarsi per bene. Servite con una spolverata di zucchero a velo e, se siete super golosoni, con una piccola ciotola di panna montata. Buon appetito!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Piatto tradizionale pasquale con asparagi bianchi e prosciutto contadino – ricette tipiche

Viene proposta una delle tante possibilità di preparare il piatto tipico del Sudtirolo del periodo pasquale con asparagi bianchi di Terlano, prosciutto cotto contadino “Bauernschinken”, uova e salsa bolzanina; questo piatto unico è adatto soprattutto nella stagione primaverile quando si trovano, solitamente, gli asparagi bianchi freschi!

Ingredienti per 4 persone:

– 24 fette di prosciutto cotto affumicato contadino “Bauernschinken”

– 12 asparagi bianchi di Terlano

– 4 uova

– una confezione da 500 gr di salsa bolzanina

– 8 fette di formaggio di capra Pseirer latteria MILA

– sale q.b.

Procedimento di preparazione:

Per cominciare pelate e pulite gli asparagi. Fateli bollire in acqua calda per 10 minuti circa. Con l’aiuto di una forchetta assicuratevi che siano cotti prima di scolarli.

Fate bollire una seconda padella di acqua e aiutandovi con un mestolo adagiate le uova. Cucinateli per 9 minuti, e sempre con l’aiuto del mestolo toglieteli per farli raffreddare in acqua fredda corrente.

Sbucciate le uova e tagliatele a metà.

Prendete ora un piatto componendolo con prosciutto di Pasqua “Bauernschinken”, due fette di formaggio di capra Pseirer, un uovo, tre asparagi e salsa bolzanina a piacere. Buon appetito a tutti!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Grano, farine e pane dell’Alto Adige/Südtirol

In Sudtirolo è presente una grande tradizione di produzione di farine tradizionali, e soprattutto, diverse varietà di pane tipico ormai note ed apprezzate anche fuori dal territorio sudtirolese; anche la coltivazione di grano autoctono è tornata in auge negli ultimi anni  grazie anche al progetto Regiograno che assicura delle possibilità di guadagno stabili ai produttori di alta qualità di grano, segale, farro ed altri cereali.

Il grano e gli altri cereali coltivati vengono poi lavorati da diversi molini tradizionali tra i quali spiccano il Molino Merano/Meraner Mühle e il Molino Rieper oltre a diversi altri; vengono, così, prodotte molte varietà di farine artigianali di alta qualità usate da molti panificatori in Sudtirolo per produrre diverse varietà di dolci, paste e, soprattutto, pane tipico.

Tra i tipi di pane tradizionale più apprezzati troviamo:  i Vinschger Paarl (pagnotta di pane nero venostana in coppia), lo Schüttelbrot (pane di segale croccante), pani alle noci, ai fichi, alla frutta secca o uvette, bretzel, pane di farro e tanti altri.

Molte di queste varietà di pane oltre a dimostrazioni di uso di macchine tradizionali per la produzione di farina pane e dolci sono presentate all’annuale Mercato del Pane e dello Strudel di Bressanone, manifestazione che attira ogni anno molti turisti (QUI la “pillola” sul mercato del pane e dello strudel).

Le farine del Sudtirolo sono, come detto, base fondamentale anche per la preparazione di molti dolci tradizionali, tra cui il notissimo strudel di mele, e diverse torte ed impasti golosi dolci e salati (QUI le “pillole” su alcune ricette tipiche del Sudtirolo).

Antichi metodi di lavorazione di grano e farine proposti al Mercato del pane e dello Strudel di Bressanone

Tipici pani e dolci del Sudtirolo

Punto vendita di Appiano/Eppan dei panifici-pasticcerie Mein Beck

Farine del Molino Merano/Meraner Mühle

Farine del Molino Rieper di Vandoies/Vintl

Preparazione casalinga dello strudel di mele con prodotti sudtirolesi

Tipici biscotti casalinghi di Natale dell’Alto Adige

Strudel della Baita Odles in Val Gardena/Gröden

Torta Linzer del Vigilius Mountain Resort di Lana

Canederli dello Stadtl Cafè di Chiusa/Klausen

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Uva, vini e distillati dell’Alto Adige/Südtirol

L’Alto Adige ha una lunghissima tradizione come produttore di frutta, in particolare mele ed uva, ma non solo; in particolare per quanto riguarda la produzione di uva da vino in Sudtirolo sono presenti 5400 ettari di superficie vitivinicola.

La coltivazione dell’uva ha origine fin dall’epoca romana e sono coltivate ben 17 varietà di uva vitivinicola tra cui le specie autoctone Lagrein, Schiava e Gewürztraminer; la coltivazione di uva avviene soprattutto tra Bassa Atesina/Unterland, Oltradige/Überetsch, Valle dell’Adige/Etschtal, bassa Val Venosta/Vinschgau e bassa e media Valle Isarco/Eisacktal grazie all’impegno di oltre 5000 produttori.

I produttori consegnano poi l’va alle oltre 160 cantine presenti che trasformano il frutto in oltre 350.000 ettolitri di vino DOC; la coltivazione avviene con metodi tradizionali, e rispettosi dell’ambiente, volti ad offrire una grande qualità del prodotto.

L’ottima qualità dell’uva si tramette poi al vino prodotto dalla cantine, infatti, molte di esse hanno vinto numerosi premi nazionali ed internazionali che garantiscono un’ottima notorietà ed apprezzamento per tutta la filiera vinicola del Sudtirolo.

A Caldaro sulla Strada del Vino/Kaltern an der Weinstraße, a testimonianza dell’importanza della coltivazione dell’uva per la zona circostante, è anche presente il Museo provinciale del Vino, che consta di un’area all’aperto ed una al chiuso, che offre una panoramica su storia, attrezzi da lavoro e tipologia di vigneti che hanno caratterizzato la produzione vinicola in Alto Adige (QUI la “pillola” sul Museo del Vino).

Diversi vini del Sudtirolo si accompagnano ottimamente anche a molti piatti tipici della zona ed alcuni vini vengono usati anche nella preparazione di ricette tradizionali (QUI le “pillole” su alcune ricette tipiche del Sudtirolo).

Inoltre, in Sudtirolo, oltre, al vino, dalla coltivazione di uva si ricavano anche molti liquori e distillati molto apprezzati tra cui spiccano diverse grappe molto pregiate aromatizzate con sapori tipici quali pino mugo, cirmolo; altri liquori rinomati vengono anche ricavati dalla distillazione di altri frutti quali, ad esempio, mele e pere.

Vigneti ad Appiano sulla Strada del Vino/Eppan an der Weinstraße

Vigneti della Cantina Valle Isarco nei pressi di Chiusa/Klausen

Vigneti lungo il Percorso Pinot Nero/Blauburgunderweg nell’area tra Ora/Auer, Montagna/Montan ed Egna/Neumarkt

Vendemmia nell’area di Castelfeder tra Egna, Montagna ed Ora © M. Lafogler

Vendemmia nell’area di Appiano sulla Strada del Vino © A. Filz

Lavorazione delle uve appena raccolte per la vinificazione ad Appiano sulla Strada del Vino © A. Filz

Vino imbottigliato che riposa nell’area vinicola tra Egna, Montagna ed Ora © M. Lafogler

Degustazione presso la tenuta-cantina CEO Schänke di Salorno/Salurn

Degustazione presso la tenuta-cantina Pfitscher di Montagna/Montan © M. Lafogler

Nel Museo del Vino di Caldaro/Kaltern

Distillati tradizionali a base di erbe di montagna a Parcines/Partschins

Vigneti dell’area di Termeno e della Cantina Tramin in inverno in Oltradige

Vigneti di Cortaccia e della Cantina Kurtatsch innevati in Bassa Atesina

Vigneti della Cantina Valle Isarco nei pressi di Chiusa in veste invernale in Valle Isarco

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Mele e frutta dell’Alto Adige/Südtirol

L’Alto Adige ha una lunghissima tradizione come produttore di frutta, in particolare mele ed uva, ma non solo; in particolare per la produzione delle mele il Sudtirolo vanta l’area coltivata maggiore d’Europa con 18400 ettari di terreno dedicati.

In Sudtirolo la coltivazione delle mele ha origine fin dal medioevo e sono coltivate oltre una dozzina di tipi di mele di cui 11 hanno raggiunto il titolo di prodotti IGP con un consorzio che segue direttamente la genuinità del prodotto.

Oltre 8000 masi ed aziende familiari si occupano della coltivazione di mele con oltre 950.000 tonnellate di frutti coltivati ogni anno soprattutto nelle aree della Bassa Atesina/Unterland, Oltradige/Überetsch, Valle dell’Adige/Etschtal, Val Venosta/Vinschgau e Valle Isarco/Eisacktal; tra le varietà di mele più coltivate troviamo Golden Delicious, Gala, Red Delicious, Fuji e Granny Smith.

Le mele prodotte oltre che inserite sul mercato per il consumo diretto vengono usate per la produzione di succhi, composte e distillati; spesso questi prodotti sono realizzati artigianalmente in maso e piccole aziende e sono molto apprezzati dagli amanti di questo tipo di bevande ed alimenti.

In Alto Adige coltivate anche altri frutti come pere, fragole, frutti di bosco ed albicocche; in particolare le pere Kaiser e Pala e le fragole della Val Martello sono molto note ed apprezzate; merita, invece, un approfondimento a parte la coltivazione per uva da vino che garantisce la materia prima per la produzione di vini molto amati e spesso pluripremiati (QUI la “pillola” su uva e vini tipici).

Inoltre, la frutta tipica del Sudtirolo viene usata in molte ricette tradizionali come lo strudel di mele e molte altre note ed apprezzate preparazioni (QUI le “pillole” su alcune ricette tipiche del Sudtirolo).

Meleti nei pressi di Parcine/Partschins in Val Venosta © Associazione turistica Parcines – Rablà – Tel

Meleti ad Appiano/Eppan in primavera ed estate

Vigneti lungo la Strada del Vino

Mercato del Pane e dello Strudel di Bressanone/Brixen

Strudel classico con salsa alla vaniglia alla Baita Odles in Val Gardena/Gröden

Strudel ai mirtilli della Malga Fiechtalm in Val d’Ultimo/Ultental

Strudel ai frutti di bosco e fragole al Ristorante Hilberkeller di Caines/Kuens

Stuzzichini con mele Alto Adige Bio, speck Alto Adige IGP e formaggio Dolomitenkönig della latteria MILA

Pere Alto Adige caramellate

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Speck, insaccati e carne dell’Alto Adige/Südtirol

Il Sudtirolo ospita una folta presenza di masi con pascoli dediti all’allevamento di bovini, ovini e suini; da questi animali si ricava sia ottimo latte usato per la produzione di noti latticini e prodotti caseari sia ottima carne usata per la produzione di carne e prestigiosi insaccati.

Tra questi ultimi l’ eccellenze più nota, apprezzata e caratterizzante del Sudtirolo è sicuramente lo Speck Alto Adige IGP; questo insaccato di suino vanta una tradizione secolare ed è realizzato da diversi produttori, autorizzati dal consorzio di tutela, secondo regole di produzione volte ad assicurare l’inconfondibile sapore di questo noto e premiato insaccato.

Per gli amanti della storia dello speck nei pressi di Naturno/Naturns in Val Vensota/Vinschgau, attiguo alla sede dell’azienda produttrice di speck ed insaccati Moser, si trova anche il Museo dello Speck cje mostra l’evoluzione della preparazione di questo inconfondibile ed amato salume (QUI la “pillola” sul Museo dello Speck Moser).

Oltre allo Speck il Sudtirolo propone anche diversi altri tipi di insaccati tradizionali molto amati da abitanti locali e turisti come, ad esempio, il prosciutto cotto affumicato contadino (Bauernschinken), insaccati alle erbe, salami di suino e selvaggina, salami cotti, il piccante salamino affumicato Kaminwurzen e diversi altri.
Oltre agli insaccati anche la carne sudtirolese proveniente dai masi e lavorata in macellerie tradizionali è molto apprezzata, tra esse troviamo carne di vitello e manzo, suino, agnello, salsicce, wurstel e selvaggina come cervo, camoscio e capriolo.

Lo speck e gli altri insaccati oltre alla carne dei masi sono usati anche per preparare molte ricette tradizionali molto apprezzate in Italia e non solo (QUI le “pillole” su alcune ricette tipiche del Sudtirolo).

Antichi metodi di produzione dello speck presentati al museo dello Speck Moser di Naturno/Naturns

Salumi tradizionali del punto vendita di Merano della macelleria-salumeria Siebenforcher

Speck, salumi e carni tipiche del produttore autorizzato di Speck e macelleria Windegger di Appiano/Eppan

Speck, salumi e prodotti caseari tipici in vendita al Mercatino di Natale di Brunico

Tagliere tipico alla Baita Odles in Val Gardena/Gröden

Cotoletta in stile tirolese alla Franziskaner Stuben di Bolzano/Bozen

Gulasch del rifugio-ristorante Levenna/Langfenn sull’Altopiano del Salto/Salten

Uova con speck e patate al Rifugio Pendio Monte Elmo in Val di Sesto/Sextental

Stuzzichini con Speck, mele Alto Adige e formaggio Dolomitenkönig della latteria MILA

Piatto tipico misto con carne di suino al Ristorante Hilberkeller di Caines/Kuens

Tagliatelle con tipico ragù di selvaggina al ristorante-hotel Tonzhaus in Val Senales/Schnalstal

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Prodotti caseari e latticini dell’Alto Adige/Südtirol

Il Sudtirolo vanta una lunghissima e prestigiosa tradizione nelle produzione e lavorazione di latte e derivati; sono, infatti, presenti moltissimi masi con pascoli che allevano mucche, pecore e capre per la produzione di latte che viene poi o lavorato direttamente o conferito alle diverse latterie sociali presenti sul territorio.

Il latte lavorato direttamente nel maso si trasforma spesso in burro e formaggi artigianali molto apprezzati dagli intenditori; il latte conferito alla latterie viene, invece, ritirato ogni giorno (anche tramite ingegnose teleferiche che dai masi sui pendii conducono alle strade delle valli dove passano i camion delle latterie adatti alla raccolta).

Nelle latterie sociali vengono lavorate le grandi quantità di latte provenienti dai conferitori per la produzione di latte fresco, burro, formaggi freschi e stagionati, panna e yogurth; alcune di queste latterie sono diventate molto note ed apprezzate in tutta Italia e non solo, tra esse troviamo, ad esempio, MILA, Brimi, Vipiteno/Sterzing, Merano/Meran, Tre Cime/Drei Zinnen e diverse altre.

Inoltre, i pascoli alpini estivi, oltre che utili per la produzione dell’ottimo latte dell’Alto Adige, sono anche diventati un’attrazione locale con immagini da cartolina con bovini ed ovini al pascolo accanto ai sentieri percorsi ogni anno da un gran numero di escursionisti e gitanti che hanno, così, l’occasione di vedere dal vivo gli animali da cui si ricava il latte usato per molti prodotti e ricette (QUI le “pillole” su alcune ricette tipiche del Sudtirolo).

Mucche al pascolo in Val Sarentino/Sarntal

Mucche e cavalli al pascolo in Val Badia/Gadertal

Pecore al pascolo sull’Altipiano del Renon/Ritten

Raccolta da parte della latteria sociale Brimi del latte prodotto nei masi

Shop Brimi di Bressanone

Tipici formaggi della latteria sociale MILA di Bolzano

Prodotti caseari e speck in vendita al Mercatino di Natale di Brunico

Stuzzichini con formaggio Dolomitenkönig della MILA, Speck Alto Adige IGP e mele Alto Adige Bio

Tipico tagliere con formaggi e salumi del Sudtirolo alla Malga Schöneben/Belpiano in Val Venosta

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo