Torta di grano saraceno – ricette tipiche

La famosa torta di grano saraceno, qui proposta nella sua versione classica, è un dessert della tradizione sudtirolese preparato ormai da lungo tempo; questa torta di farina di grano saraceno e marmellata di ribes rosso, dal gusto inconfondibile, si offre come golosissima scelta per un fine pasto od una nutriente merenda in stile tradizionale.

Ingredienti per 4 persone:

– 300 gr di farina di grano saraceno

– 100 gr di farina bianca tipo 00 Rieper

– 300 gr di burro Sciaves della Brimi

– 6 uova

– 300 gr di zucchero

– 16 gr di lievito in polvere – una bacca di vaniglia


per la farcitura:

– un vasetto di marmellata di ribes rosso setacciata da 400 gr

– un vasetto di marmellata di ribes rosso da 400 gr


per la decorazione:

– zucchero vanigliato


Procedimento di preparazione:

Togliere il burro dal frigo un paio di ore prima della preparazione, per permettergli di ammorbidirsi e preriscaldare il forno a 170° C.

Porlo in una ciotola o in una planetaria con 150 gr di zucchero e la bacca di vaniglia, e lavorare il composto con delle fruste elettriche fino a renderlo bianco e cremoso.

Dividere le uova, e unire uno alla volta i tuorli al composto di burro e zucchero, sempre montando con le fruste elettriche.

Setacciare le polveri e, con delle fruste pulite, montare gli albumi con i 150 gr di zucchero rimasti.

Utilizzando una spatola, unire a mano al composto di burro, zucchero e tuorli le polveri setacciate.

Infine, sempre con l’aiuto di una spatola, unire gli albumi, mescolando dal basso verso l’alto per non smontare il composto.

Imburrare e infarinare uno stampo da tortiera di 28 cm e versare l’impasto.

Infornare e cucinare per 50 minuti circa, facendo la prova stuzzicadenti per assicurarsi che la torta sia cotta.

Porre su una gratella e lasciar raffreddare. Togliere dallo stampo, e tagliare la torta in tre dischi.

Farcire il primo strato con metà vasetto di marmellata di ribes e metà vasetto di marmellata di ribes setacciata. In questo modo sarà possibile esaltare il sapore della torta con i pezzi di ribes intero.

Appoggiare il disco centrale, farcire con la restante marmellata e chiudere con il terzo disco.

Spolverare la superficie con zucchero a velo vanigliato.

Servire il giorno dopo con panna montata o una pallina di gelato alla vaniglia, se desiderato. Buon appetito!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Cornetti alla vaniglia – ricette tipiche

I cornetti alla vaniglia con frutta secca sono dei biscotti tipici della tradizione tirolese e risultano molto adatti per accompagnare delle bevande calde o anche per un piccolo spuntino o dolce fine pasto; il loro gusto delicato li rende adatti sia a bambini che adulti.

Ingredienti per 4 persone:

– 140 gr di farina per biscotti di Natale Rieper

– 105 gr di burro Mila

– 50 gr di zucchero a velo

– 1 tuorlo

– 25 gr di nocciole tritate

– 25 gr di mandorle tritate

– un pizzico di sale

– una bacca di vaniglia

Per la decorazione:

– zucchero vanigliato

Procedimento di preparazione:

Per questa ricetta ho comprato 40 gr di granella di nocciole e 40 gr di granella di mandorle, ho pesato il quantitativo richiesto dalla ricetta e li ho triturati con il mixer per creare gli ingredienti delle nocciole e delle mandorle tritate.

In una planetaria versate la farina, le nocciole e le mandorle macinate, lo zucchero a velo e il sale e con la foglia mescolate le polveri assieme. Versate il burro a temperatura ambiente, la bacca di vaniglia e insabbiatelo. Basteranno un paio di minuti. Infine versate il tuorlo. Amalgamate gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.

Create un panetto, avvolgetelo nella pellicola e lasciate riposare in frigo per una mezza giornata.

Togliete il panetto dal frigo una mezz’ora prima di usarlo, tagliatelo in otto pezzi e da essi ricavate dei lunghi cordoni non troppo spessi. Da essi ricavate delle strisce grandi come un mignolo, adagiateli su una teglia da forno e piegateli per ottenere  dei cornetti.

Cucinateli in forno statico a 160° C per 10-12 minuti. Non devono risultare troppo colorati, quindi quando avranno raggiunto un colore dorato lungo i bordi sono pronti.

Lasciateli raffreddare e spolverateli generosamente con lo zucchero vanigliato.

Buon appetito!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Spitzbuben alle nocciole – ricette tipiche

Gli spitzbuben (occhi di bue) sono dei biscotti ripieni di marmellata della tradizione tirolese, e germanica in genere, e, soprattutto nel periodo natalizio, vengono preparati in diversi modi; viene qui presentata la versione con le nocciole adatta sia per una golosa merenda che per un dolce fine pasto.

Ingredienti per 4 persone:

– 300 gr di farina per biscotti di Natale Rieper

– 250 gr di burro Mila

– 125 gr di zucchero a velo

– 100 gr di nocciole tostate macinate

– 1 uovo

– un pizzico di sale

– una bacca di vaniglia

Per la decorazione:

– cioccolato q. b.

– granella di nocciole q. b.

– un vasetto di marmellata ai frutti di bosco da 300 gr circa

Procedimento di preparazione:

Per questa ricetta ho comprato 100 gr di granella di nocciole e l’ho triturata con il mixer per creare gli ingredienti delle nocciole tostate macinate.

In una planetaria versate la farina, le nocciole macinate, lo zucchero a velo e il sale e con la foglia mescolate le polveri assieme. Versate il burro a temperatura ambiente, la bacca di vaniglia e insabbiatelo. Basteranno un paio di minuti. Infine versate l’uovo. Amalgamate gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.

Create un panetto, avvolgetelo nella pellicola e lasciate riposare in frigo per una notte.

Togliete il panetto dal frigo appena prima di usarlo, in quanto risulterà più morbido rispetto alla ricetta degli sptizbuben classici, poi infarinate il tavolo e stendete metà del panetto a un centimetro circa. Riponete nel frattempo l’altra metà al fresco in frigo.

Ricavate dei cerchi con un tagliapasta rotondo e adagiateli su una teglia da forno. Solo ora potete usare un tagliapasta rotondo più piccolo per ricavare così i coperchi degli spitzbuben.

Cucinate in forno statico per 15 minuti circa a 160° C; i biscotti saranno pronti quando avranno assunto un colore dorato.

Ripetete la procedura, stendendo la pasta frolla e ricavando dei cerchi a cui non andrà levata la parte centrale, riponendo in frigo la frolla inutilizzata, e cucinateli sempre a 160° C per 15 minuti circa.

Continuate il procedimento fino ad esaurire la pasta frolla, avendo cura di alternare le due fasi, dando sempre la precedenza ai coperchi.

Una volta che si saranno raffreddati, portate a bollore una piccola quantità di acqua in cui adagerete una ciotola di vetro piena di cioccolato triturato grossolanamente. Dopo che si sarà completamente sciolto, intingete metà dei coperchi e ricopriteli di granella di nocciole. Attendete che si solidifichi, stendete un velo di marmellata sui biscotti senza buco, ed, infine, adagiate i coperchi.

Buon appetito!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Spitzbuben classici – ricette tipiche

Gli spitzbuben (occhi di bue) sono un dolce classico della tradizione tirolese, e germanica in genere, e vengono preparati sia nel periodo natalizio che in altri periodi dell’anno; questi biscotti ripieni di marmellata sono adatti sia come un accompagnamento per una golosa merenda che per un dolce fine pasto.

Ingredienti per 4 persone:

– 380 gr di farina per biscotti di Natale Rieper

– 240 gr di burro Mila

– 170 gr di zucchero a velo

– 1 tuorlo

– un pizzico di sale

– una bacca di vaniglia

Per la decorazione:

– zucchero vanigliato q. b.

– un vasetto di marmellate di albicocche da 300 gr circa

Procedimento di preparazione:

In una planetaria versate la farina, lo zucchero a velo e il sale e con la foglia mescolate le due polveri assieme.

Versate il burro a temperatura ambiente, la bacca di vaniglia e insabbiatelo. Basteranno un paio di minuti. Infine versate il tuorlo. Amalgamate gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Create un panetto, avvolgetelo nella pellicola e lasciate riposare in frigo per una notte.

Togliete il panetto dal frigo almeno un’ora prima di usarlo, poi infarinate il tavolo e stendete metà del panetto a un centimetro circa. Ricavate dei cerchi con un tagliapasta rotondo e adagiateli su una teglia da forno. Solo ora potete usare un tagliapasta rotondo più piccolo per ricavare così i coperchi degli spitzbuben.

Cucinate in forno statico per 15 minuti circa a 160° C; i biscotti saranno pronti quando avranno assunto un colore dorato.

Ripetete la procedura, stendendo la pasta frolla e ricavando dei cerchi a cui non andrà levata la parte centrale e cucinateli sempre a 160° C per 15 minuti circa.

Continuate il procedimento fino ad esaurire la pasta frolla, avendo cura di alternare le due fasi, dando sempre la precedenza ai coperchi.

Una volta che si saranno raffreddati, spolverate i coperchi con lo zucchero a velo e gli altri con un velo di marmellata alle albicocche. Infine adagiate i coperchi sui biscotti con la marmellata, che li salderà.
Buon appetito!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Torta di mele e cioccolato al latte – ricette tipiche

Viene qui proposta una torta di mele, uno dei prodotti più noti del Sudtirolo, con cioccolato al latte e mandorle; la ricetta propone un dolce molto gustoso e nutriente adatto sia a bambini che adulti, la torta è adatta sia come dolce di fine pasto sia come merenda sfiziosa.

Ingredienti per 4 persone:

– 15 gr burro latteria Vipiteno

– 60 gr zucchero

– 3 uova medie

– 90 gr cioccolato al latte

– 8 gr cacao amaro in polvere

– 1 mela

– 1 tazzina di caffè ristretto

– 8 gr lievito in polvere

– 75 gr farina tipo 00

– 1 confezione di mandorle affettate

– sale q.b.

– zucchero al velo q.b.

Procedimento di preparazione:

Ponete in una planetaria le uova e lo zucchero e montate finchè non avrete un composto bianco e spumoso.

In una ciotola ponete le polveri (farina, lievito e cacao), mentre in un’altra il cioccolato e il burro che andrete a sciogliere a bagnomaria.

A parte pelate la mela e tagliatela a cubetti di medie dimensioni.

Versate nel composto di uova e zucchero il cioccolato sciolto e il caffè ristretto.

Togliete la ciotola dalla planetaria, unite le polveri setacciate e ¾ del sacchetto di mandorle affettate.

Versate il composto in una tortiera imburrata e infarinata. Adagiate le mele tagliate a cubetti e il restante delle mandorle a scaglie.

Cucinate in forno preriscaldato a 160° C per 30-40 min; fate la prova stuzzicadenti dopo 35 min. Se esce pulito la torta è pronta.

Sfornate non appena la torta si sarà raffreddata e spolveratela con dello zucchero a velo. Buon appetito!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Torta Linzer – ricette tipiche

La famosa torta Linzer, qui proposta nella sua versione classica, è un dessert di origine austriaca, della città di Linz da cui prende il nome, che è diventato presto parte integrante della tradizione dolciaria del Sudtirolo; questa torta di farina di nocciole e marmellata di ribes rosso si offre come golosissima scelta per un fine pasto od una nutriente merenda in stile austriaco.

Ingredienti per 4 persone:

– 225 gr burro Sciaves latteria Brimi

– 125 gr zucchero al velo

– 125 gr tuorli d’uovo

– 175 gr farina di nocciole

– 225 gr farina Rieper tipo 00

– 3 gr lievito

– un vasetto da 250 gr di marmellata di ribes rosso

– sale q.b.

– cannella in polvere q.b.

Procedimento di preparazione:

Tirare fuori il burro dal frigo tre ore prima della preparazione per permettergli di raggiungere la temperatura ambiente. Porlo nella planetaria con lo zucchero a velo, il sale e la cannella e lavorarlo con la foglia.

Aggiungere i tuorli e lavorarlo di nuovo.

Porre infine le polveri (farina di nocciole, farina bianca e lievito) ed amalgamare il tutto.

Imburrate ed infarinate una tortiera da 24 cm e preriscaldate il forno a 170° C.

Con l’aiuto di una sac à poche create, partendo dal centro un anello di pasta fino a ricoprire tutto il fondo. Con l’aiuto dei polpastrelli pigiate delicatamente l’impasto per permettere la chiusura di possibili forellini che faranno fuoriuscire il ripieno. Create ora, sempre con l’aiuto di una sac à poche, un bordo rialzato.

Versate il vasetto di marmellata di ribes rosso e livellate. Ultimate con la sac à poche creando delle strisce prima da un verso e poi dall’altro.

Infornate per 30-35 min circa finchè la superficie sarà ben cotta e solida. Sfornate e lasciate raffreddare prima di toglierla dalla tortiera.

E’ meglio lasciar riposare la torta una notte per permettere a tutti gli ingredienti di amalgamarsi per bene. Servite con una spolverata di zucchero a velo e, se siete super golosoni, con una piccola ciotola di panna montata. Buon appetito!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Piatto tradizionale pasquale con asparagi bianchi e prosciutto contadino – ricette tipiche

Viene proposta una delle tante possibilità di preparare il piatto tipico del Sudtirolo del periodo pasquale con asparagi bianchi di Terlano, prosciutto cotto contadino “Bauernschinken”, uova e salsa bolzanina; questo piatto unico è adatto soprattutto nella stagione primaverile quando si trovano, solitamente, gli asparagi bianchi freschi!

Ingredienti per 4 persone:

– 24 fette di prosciutto cotto affumicato contadino “Bauernschinken”

– 12 asparagi bianchi di Terlano

– 4 uova

– una confezione da 500 gr di salsa bolzanina

– 8 fette di formaggio di capra Pseirer latteria MILA

– sale q.b.

Procedimento di preparazione:

Per cominciare pelate e pulite gli asparagi. Fateli bollire in acqua calda per 10 minuti circa. Con l’aiuto di una forchetta assicuratevi che siano cotti prima di scolarli.

Fate bollire una seconda padella di acqua e aiutandovi con un mestolo adagiate le uova. Cucinateli per 9 minuti, e sempre con l’aiuto del mestolo toglieteli per farli raffreddare in acqua fredda corrente.

Sbucciate le uova e tagliatele a metà.

Prendete ora un piatto componendolo con prosciutto di Pasqua “Bauernschinken”, due fette di formaggio di capra Pseirer, un uovo, tre asparagi e salsa bolzanina a piacere. Buon appetito a tutti!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Risotto con asparagi bianchi e Gewürztraminer – ricette tipiche

Viene proposta una variante di risotto aromatizzato al Gewürztraminer, vino bianco tipico del Sudtirolo, con aggiunta di asparagi bianchi di Terlano e salsiccia di suino dell’Alto Adige; questo primo piatto molto corposo e nutriente è adatto soprattutto nella stagione primaverile quando si trovano, solitamente, gli asparagi bianchi freschi!

Ingredienti per 4 persone:

– 320 gr riso tipologia Vialone nano
– 2 salsiccia di suino da masi Alto Adige
– 1 bicchiere di vino Gewürztraminer DOC Alto Adige
– 4 asparagi bianchi di Terlano
– burro Alto Adige q.b.
– Parmigiano q.b.
– sale q.b.

Procedimento di preparazione:

Per cominciare pelate e pulite gli asparagi bianchi di Terlano, per poi tagliarli a pezzi di mezzo centimetro.

Mettete, ora, a bollire una pentola di acqua che vi servirà per cucinare il riso. Levate, poi, il budello alle salsicce e mettetele a cuocere, insieme agli asparagi, in una casseruola sul fuoco con un filo d’olio.

Appena si saranno rosolati, aggiungete il riso e lasciate tostare per alcuni minuti.

Sfumate con il vino bianco Gewürztraminer e lasciate evaporare.

Aggiungete un mestolo di acqua e mescolate. Aspettate che il riso abbia assorbito l’acqua prima di aggiungerne dell’altra. Salate a metà cottura, senza esagerare dato che salsiccia e asparagi forniscono già un ottimo sapore al piatto.

Cucinate il riso per 15-18 minuti a seconda del gusto personale.

Mantecate con burro e grana a piacimento.

Buon appetito!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Rösti di patate con involtini di speck e formaggio fresco – ricette tipiche

Il rösti di patate è una ricetta tradizionale e diffusa sia in Sudtirolo che nelle vicine aree dei Grigioni, del Tirolo austriaco e del Trentino; il piatto viene qui presentato accompagnato da sfiziosi involtini di speck e formaggio fresco e da insalata di cavoli cappucci per un piatto unico dal gusto tirolese molto nutriente!

Ingredienti per 4 persone:

– 8 patate medie della Val Pusteria
– 5 cucchiai di farina Rieper tipo 00
–  16 fette di Speck Alto Adige IGP
– 400 gr di formaggio spalmabile alle erbe MILA
– sale q.b.
– olio q.b.
– ev. fettine di formaggio Marende latteria Burgusio per accompagnare il piatto

per l’insalata di cavoli cappucci

– 1 cavolo cappuccio
– aceto balsamico q.b.
– olio q.b.
– semi di finocchio q.b.
– sale q.b.

Procedimento di preparazione:

Pelate le patate, grattugiatele a mano oppure con l’aiuto di un tritatutto elettrico. Aggiungete i 5 cucchiai di farina, mescolate e se l’impasto risulta troppo morbido aggiungete un altro po’ di farina. Il composto dovrà risultare morbido, ma leggermente compatto.

Prendete le fette di speck e spalmatele con il formaggio alle erbe MILA; arrotolateli e poneteli in frigo.

Tagliate ora il cavolo cappuccio con l’apposita mandolina, e lavatelo sotto acqua corrente dopo averlo riposto in uno scolapasta.

Preparate le porzioni di cavolo cappuccio e conditelo con sale, olio, aceto e semi di finocchio.

Scaldate dell’olio in una padella, versate i rösti (potete crearne due grandi per poi dividerli in fette oppure porzioni singole a seconda del gusto personale) e spalmateli fino a renderli alti mezzo centimetro. Attendete che abbiano raggiunto un colorito bruno prima di girarli. Appena entrambi i lati saranno dorati, levateli dal fuoco e metteteli ad asciugare in un piatto ricoperto con carta assorbente.

Serviteli belli caldi accompagnati con gli involtini di speck ripieno di formaggio spalmabile ed eventualmente fettine formaggio Marende della latteria Burgusio e l’insalata di cavoli cappucci.

Buon appetito!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Uova con speck e patate – ricette tipiche

Il piatto unico con uova all’occhio di bue, speck e patate arrostite è una delle ricette tipiche più amate e gustate soprattutto nei rifugi e baite in Sudtirolo, viene però proposta sempre più spesso anche in diversi ristoranti; questo piatto è, quindi, diventato una “tappa abituale” di molti escursionisti che fanno una pausa golosa e nutriente lungo i rifugi posti sui sentieri dell’Alto Adige!

Ingredienti per 4 persone:

– 8 uova
– 16 fette di Speck Alto Adige IGP
– 8 patate medie della Val Pusteria
– olio q.b.
– sale q.b.
– pepe q.b.
– burro latteria Brimi q.b.
– erba cipollina q.b.

Procedimento di preparazione:

Pelate le patate e cucinatele al vapore.

Lasciatele raffreddare e tagliatele a fette.

In una padella versate un filo d’olio e le patate. Fatele rosolare e insaporite con sale e pepe.

Fate sciogliere del burro in una seconda padella, rompete con attenzione le 8 uova affinchè non si rompa il tuorlo ed adagiatele una vicina all’altra.

Cucinatele all’occhio di bue, e saranno pronte quando l’albume sarà diventato bianco e il tuorlo ricoperto di una patina lucida e brillante.

Versate le uova in un piatto, e riutilizzate la padella per scottare lo speck; basterà adagiarlo e toglierlo non appena si arriccia.

Aggiungetelo alle uova, unite le patate e una bella spolverata di erba cipollina. Servite bello caldo. Buon appetito!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo