Cornetti alla vaniglia – ricette tipiche

I cornetti alla vaniglia con frutta secca sono dei biscotti tipici della tradizione tirolese e risultano molto adatti per accompagnare delle bevande calde o anche per un piccolo spuntino o dolce fine pasto; il loro gusto delicato li rende adatti sia a bambini che adulti.

Ingredienti per 4 persone:

– 140 gr di farina per biscotti di Natale Rieper

– 105 gr di burro Mila

– 50 gr di zucchero a velo

– 1 tuorlo

– 25 gr di nocciole tritate

– 25 gr di mandorle tritate

– un pizzico di sale

– una bacca di vaniglia

Per la decorazione:

– zucchero vanigliato

Procedimento di preparazione:

Per questa ricetta ho comprato 40 gr di granella di nocciole e 40 gr di granella di mandorle, ho pesato il quantitativo richiesto dalla ricetta e li ho triturati con il mixer per creare gli ingredienti delle nocciole e delle mandorle tritate.

In una planetaria versate la farina, le nocciole e le mandorle macinate, lo zucchero a velo e il sale e con la foglia mescolate le polveri assieme. Versate il burro a temperatura ambiente, la bacca di vaniglia e insabbiatelo. Basteranno un paio di minuti. Infine versate il tuorlo. Amalgamate gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.

Create un panetto, avvolgetelo nella pellicola e lasciate riposare in frigo per una mezza giornata.

Togliete il panetto dal frigo una mezz’ora prima di usarlo, tagliatelo in otto pezzi e da essi ricavate dei lunghi cordoni non troppo spessi. Da essi ricavate delle strisce grandi come un mignolo, adagiateli su una teglia da forno e piegateli per ottenere  dei cornetti.

Cucinateli in forno statico a 160° C per 10-12 minuti. Non devono risultare troppo colorati, quindi quando avranno raggiunto un colore dorato lungo i bordi sono pronti.

Lasciateli raffreddare e spolverateli generosamente con lo zucchero vanigliato.

Buon appetito!

Ideazione e preparazione della ricetta © Cristina Mapelli
Foto: Pillole sudtirolesi

Scopriamo QUI altre “pillole” su piatti tipici e ricette dell’Alto Adige

Scopriamo QUI altre “pillole” sui prodotti tipici del Sudtirolo

Rispondi